• Home
  • Autostima
  • Autostima: cos’è, come funziona e come mai spesso è bassa
Bassa autostima

Autostima: cos’è, come funziona e come mai spesso è bassa

Possiamo ottenere l’approvazione degli altri, se agiamo bene e ci mettiamo d’impegno nello scopo; ma la nostra stessa approvazione vale mille volte di più.
Mark Twain

 

Se ne sente parlare da tutte le parti e sembra una sorta di pozione magica capace di guarire tutti i mali. Ma di preciso a cosa si fa riferimento quando si parla di autostima?

Per rispondere possiamo utilizzare questa semplice frase: l’insieme dei giudizi valutativi che l’individuo dà di se stesso. In parole ancora più semplici è la tua auto-valutazione.

Ti reputi una brava persona, un gran lavoratore e un ottimo marito? Allora, probabilmente, la tua autostima sarà abbastanza alta. Al contrario, ti reputi vigliacco, pigro e non hai neanche la fidanzata? Allora il tuo livello di autostima sarà inferiore e i tuoi comportamenti saranno di conseguenza. (Questo è solo un esempio, magari sei vigliacco, pigro e single ma non te ne frega niente e la tua autostima è alle stelle 😉 )

Fin qua tutto è abbastanza semplice.

Da cosa dipende l’autostima? 

La prima cosa che possiamo affermare con assoluta certezza è che l’autostima è estremamente mutevole. Cambia insieme a te e nel corso del tempo si modifica, cresce o diminuisce in maniera molto fluida.

Principalmente è legata a:

  • Fattori cognitivi, cioè esperienze, conoscenze e situazioni vissute
  • Fattori sociali, cioè la considerazione che gli altri dimostrano di avere nei tuoi confronti
  • Fattori affettivi, cioè le relazioni interpersonali (intime e non) che generano soddisfazione/insoddisfazione

Tutti questi elementi, combinati fra loro in maniera molto articolata, ci danno un quadro generale della nostra persona e ci consentono di tirare delle somme su noi stessi.

In aggiunta ci sono anche i fattori interni che derivano dalla propria auto-osservazione. A differenza dei precedenti non viene tenuto conto del giudizio delle persone o dei gruppi ma si compara in maniera autonoma se stesso agli altri o a ciò che si vorrebbe essere.

Ora passiamo alla parte clou…

La bassa autostima: ovvero la discrepanza fra il sè ideale e quello percepito

Molte, moltissime persone affermano in maniera quasi certa di avere un’autostima piuttosto bassa.

Questo, di solito, succede perchè c’è una forte discrepanza fra come ci si percepisce e come, invece, si vorrebbe essere.

Facciamo un esempio pratico:

Sei una persona normale, hai un lavoro che ti permette di vivere in maniera dignitosa e ogni tanto hai qualche gratificazione dal tuo capo che ti apprezza. Questa è la realtà oggettiva (cioè il tuo sè reale).

Tu, invece, percepisci che non guadagni quanto desideri, sei mediocre, e il tuo capo, gratificandoti poche volte, non ha molta stima di te (questo è il tuo sè percepito).

Il tuo sè ideale, ancora, ti vorrebbe ricco, di successo e senza un capo a cui sottostare perchè tu sei il capo di te stesso.

La discrepanza fra il tuo sè percepito (cioè quello mediocre) e il tuo sè ideale (cioè quello ricco sfondato) genera molta sofferenza e abbassa notevolmente l’autostima. Non sei quello che vorresti essere e allora reputi che in te sia tutto sbagliato e da buttare. Non valorizzi minimamente i tuoi punti di forza ma focalizzi tutte le energie sulle cose che non vanno.

Ora, una volta messo nero su bianco questo concetto, non pensi che sia giusto abbassare un po’ la mira? Porti obiettivi raggiungibili? L’insoddisfazione, sennò, sarà sempre altissima. Potresti mirare a una promozione e piano piano modificare l’idea sbagliata che hai di te.

Aumentare la propria autostima non è impossibile, bisogna solo ragionarci sopra e capire quali sono i pensieri disfunzionali che ti chiudono nel circolo vizioso del “non vado bene”.

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto o l’hai trovato utile condividilo sul tuo social preferito! 🙂

Ciao, mi chiamo Fabiana e questo è il mio blog di crescita personale. Al suo interno potrai trovare molti articoli che ti aiuteranno a migliorare la tua vita e ad adottare strategie per risparmiare tempo prezioso. Tutto quello che scrivo l'ho sperimentato sulla mia pellaccia, se funziona con me (sono davvero un osso duro) può funzionare con tutti! :)

Lascia un commento