• Home
  • Benessere
  • Dormire bene: 5 trucchi per ottenere il massimo dal proprio sonno
Untitled design 7 - Dormire bene: 5 trucchi per ottenere il massimo dal proprio sonno

Dormire bene: 5 trucchi per ottenere il massimo dal proprio sonno

Non so voi, ma io ad un certo punto ho cominciato a pormi delle domande sulla mia qualità del sonno. Dormire è una cosa che mi piace molto, si potrebbe dire che sono un ghiro, ma non mi capacito di come sia possibile che al mio risveglio, che siano passare 5 ore oppure 10, ho sempre e comunque sonno. Anzi, a dirla tutta ho ancora più sonno di quando vado a dormire.

Insomma, funziona tutto al contrario. Di notte sono vigile e faccio molta fatica ad addormentarmi mentre al mattino mi ci vogliono circa 2 ore per essere pienamente cosciente. Dopo una vita passata a lottare con le sveglie ho cominciato a chiedermi: “ A cosa serve dormire se al mattino sto peggio che alla sera?” e ho realizzato che il mio modo di riposare deve avere per forza qualcosa che non va. Non dico che ogni mattina bisogna sentirsi dei leoni, anche perché è scientificamente impossibile, ma essere proprio sempre dei cogli… Insomma, ogni tanto un po’ di buon sonno ristoratore ci vuole.

Dormire male (cosa che conosco molto bene) porta numerosi svantaggi. Primi fra tutti:

  • Cominci la giornata già stanco e le tue prestazioni sono sempre sottotono
  • Il tuo entusiasmo si annulla e ogni giorno ti sembra una tortura inflitta da una forza superiore che ti costringe a camminare sulla Terra mentre tu vorresti solamente lanciarti sul tuo materasso
  • Il tuo umore nel corso di tutta la mattinata è paragonabile a quello di Mercoledì Addams

Sembra impossibile ma qualche volta (giusto due o tre) ho sperimentato gli effetti del buon riposo. Saltare giù dal letto senza posticipare la sveglia e sentirsi perfettamente riposati, da quel momento, è diventato il mio sogno 🙂 . Per questo motivo ho deciso di informarmi sull’argomento e raccogliere alcuni consigli su come riprovare quella meravigliosa sensazione. Il lavoro è ancora molto lungo ma ho già cominciato a vedere qualche risultato, a volte basta modificare qualche abitudine per migliorare la qualità di vita (e, in questo caso, del sonno).

La mini guida per dormire bene

Tutto ciò che leggerete è stato sperimentato su un soggetto letargico al mattino, con vaghi problemi di insonnia la sera e con un ritmo circadiano davvero sballato. Se funziona con me, fidati, può funzionare con chiunque. 😉

  1. Niente apparecchiature elettroniche in camera da letto: questo è il primo consiglio, quello che ha modificato maggiormente il mio modo di dormire. Da nerd professionista mi ostinavo ad addormentarmi dopo avere visto almeno due puntate di serie Tv in streaming (quando poi non erano 3 o 4 a causa dei malefici “To be continued”). Oppure mi mettevo a lavorare; in un modo o nell’altro il computer era sempre sul comodino, di fianco a me. Dopo averlo eliminato ho notato subito la differenza! La qualità del sonno è migliorata notevolmente, mi addormento con meno fatica e al risveglio ho meno occhiaie. Ps: ovviamente la stessa regola vale per televisione, cellulare, Ipod e tablet.
  2. Fai un’attività rilassante prima di addormentarti: la maggior parte delle persone, prima di dormire, guarda la Tv. Magari anche un bel film violento che rimane impresso nella mente per tutta la notte. Perché si, la tua mente continua inesorabilmente a rielaborare le immagini che ha visto, anche quando credi che il tuo cervello sia completamente a riposo. Per passare una notte tranquilla conviene dedicare gli ultimi minuti della giornata a qualcosa di più soft. La lettura di un libro, per esempio, è un’attività perfetta per conciliare il sonno e dormire meglio. Insomma, “A Serbian Film” è meglio guardarlo di pomeriggio.
  3. Rispetta il tuo ritmo e mantieni abitudini costanti: andare a dormire e alzarsi sempre alla stessa ora aiuta a migliorare il sonno. Certo, ci può essere una variabilità di mezz’ora, ma l’orario dovrebbe essere sempre lo stesso. Uno studio scientifico condotto sull’argomento ha messo in evidenza come ogni persona abbia necessità diverse. Per questo motivo non è molto importante stipulare un orario che sia perfetto per tutti, ognuno deve trovare il proprio. Io ad esempio rientro comunque nella categoria “civetta” che comprende tutte le persone che tendono ad andare a dormire tardi la sera e svegliarsi tardi al mattino. Per questo motivo mettermi a letto alle 22 non ha alcun senso, sprecherei il mio tempo. Il mio orario perfetto è intorno alle 23.45. Puoi fare delle prove e scoprire qual è l’orario giusto per te: potrebbe essere molto presto (intorno alle 20.30) in una fascia media (fra le 22 e le 23) o più sul tardi, come il mio.
  4. Stai attento alla temperatura in camera da letto: sembra una cavolata ma ho notato come, in inverno, ho molta meno voglia di alzarmi. Il motivo è il freddo, l’idea di dover affrontare una casa ghiacciata mi annulla ogni voglia di cominciare la giornata. Prima non avevo mai riflettuto a fondo su questa banalissima cosa. La soluzione? Fare in modo che il riscaldamento si accenda da solo ad un determinato orario. Alzarsi, in questo modo, sarà più facile.
  5. Se non riesci a dormire…respira: esistono molte tecniche di rilassamento ideate apposta per addormentarsi. Quella che utilizzo io è molto semplice: concentra tutta la tua attenzione sul tuo respiro e sui rumori che ti circondano. Cerca di liberare la mente e concentrati. Appena ti accorgi che i tuoi pensieri tornano alla carica, rimandali immediatamente indietro. Fai in modo che il tuo respiro sia profondo, sempre più calmo e lungo. È molto più facile di quello che sembra 🙂 .

Perfetto, per ora direi che è tutto. Ma di sicuro ci sarà molto altro da dire su questo argomento in futuro!

Ora tocca a te…

Che tecniche utilizzi per addormentarti in maniera serena? Hai un rituale che precede il momento di andare a dormire? Fammelo sapere nei commenti.

Alla prossima!

Ciao, mi chiamo Fabiana e questo è il mio blog di crescita personale. Al suo interno potrai trovare molti articoli che ti aiuteranno a migliorare la tua vita e ad adottare strategie per risparmiare tempo prezioso. Tutto quello che scrivo l'ho sperimentato sulla mia pellaccia, se funziona con me (sono davvero un osso duro) può funzionare con tutti! :)

Lascia un commento